A+ A A-

Korea Film Fest, a Firenze si inaugura l'XI edizione con Jeon Do-yeon

  • Scritto da Leonardo Pasquinelli

Riflettori accesi da venerdì 15 marzo sull'undicesima edizione del Korea Film Fest di Firenze, ideato e ancora oggi condotto da Riccardo Gelli, unica rassegna italiana dedicata al cinema sudcoreano e senz'altro la principale in Europa, nata cinque anni prima degli analoghi festival di Londra e Parigi. Per l'occasione, sul piccolo red carpet incorniciato fra il cinema Odeon e Palazzo Strozzi sfilerà Jeon Do-yeon, fra le più famose interpreti della Corea del Sud, vincitrice del premio come miglior attrice a Cannes nel 2007 per “Sunshine”, che il grande pubblico ha apprezzato anche in Italia due anni fa come protagonista di “Housemaid”. Pellicola che verrà riproposta martedì 19 alle 21, dopo la consegna del premio alla carriera Florence Korea Film Fest. Il festival dedicherà all'attrice anche un'ampia retrospettiva: otto pellicole fra cui le anteprime italiane di “Countdown” e “The Contact”, suo esordio cinematografico.
Numeri sostanzialmente invariati: 32 lungometraggi (di cui la metà in anteprima nazionale) e 20 corti riempiranno i dieci giorni di proiezioni. L'inaugurazione è affidata alla prima italiana di “Masquerade” di Choo Chang-min (il regista sarà presente a Firenze), kolossal in costume ambientato nella Corea del XVII secolo, il più visto nel 2012 in patria. Gran finale domenica 24, con l'inevitabile celebrazione del ritorno di Kim Ki-duk e la proiezione del suo “Pìeta”. Leone d'Oro lo scorso settembre a Venezia, poi semisnobbato nelle sale, verrà proiettato alle 20.30, rigorosamente in v.o., dopo le premiazioni ufficiali.
Nel mezzo, oltre all'omaggio a Jeon Do-yeon, spicca la nuova sezione K-Eros, curata da Marco Luceri. Una retrospettiva interamente dedicata al genere erotico, che ha raccontato forse meglio di tutti gli altri i profondi cambiamenti che la Corea ha attraversato negli ultimi anni. 8 film dagli anni '80 ad oggi – che  restituiscono il racconto per immagini di uomini e donne, vittime o carnefici, a cui l'erotismo ha cambiato la vita, mettendo insieme stili e visioni di un mondo al contempo reale, fantastico e fatale. Prevista la presenza del regista Kim Dae-sun (che presenterà “The Concubine”), e l'omaggio a Park Chul-soo, recentemente scomparso, con la proiezione del suo ultimo film “B.E.D.”.
Tra la nuove sezioni anche K-Animation dedicata ai film d’animazione con due anteprime nazionali: “The King of Pigs”, film indicato per un pubblico di adulti, e per i più piccoli “Padak”.
Resiste la Notte Horror (venerdì 23) , gustoso appuntamento che ogni anno incolla alle comode poltrone dell'Odeon un folto manipolo di aficionados fino alle 4 del mattino.
Numerosi come sempre gli eventi collaterali: sabato 16 si terrà all’Hard Rock Cafe tavola rotonda con il maestro Im Sang-soo (ore 11) e alle ore 18 in piazza Mino a Fiesole l’inaugurazione della mostra collettiva dal titolo “Korea Sculpture Festival”, visitabile fino al 12 Aprile.  Domenica 17 si terranno in piazza Repubblica molti eventi open air: esibizioni di Taekwondo e spada coreana, poi il Flash Mob K-Pop.  Sabato 23 dalle 23,30 festa di chiusura, sempre all’Hard Rock Cafe, con il gruppo K Pop più popolare in Corea del Sud  i Bye Bye Sea, a cui seguirà e il DJ Set con l’artista Yoo-suk Oh.

dal 15 al 23 marzo 2013
FIRENZE

XI Korea Film Fest

@il_trillo

per scrivere a iltrillodeldiavolo.it invia una mail a info@iltrillodeldiavolo.it o contattaci sui nostri profili "Twitter""Facebook".