A+ A A-

The Front Line di Jang Hun vince l'undicesimo Florence Korea Film Fest

  • Scritto da Leonardo Pasquinelli

Una scena del film Con soddisfazione degli organizzatori si è concluso domenica 24 marzo 2013 il Florence Korea Film Fest 2013, al cinema Odeon di Firenze. Questa XI edizione ha registrato un buon incremento di pubblico rispetto all'anno scorso, oltre novemila spettatori, grazie anche ad una lungimirante politica di prezzi: riprova è stata l’altissima presenza di giovani durante tutte le giornate di proiezione. I film premiati.
‘The Front Line” di Jang Hun, ambientato durante la storica guerra degli anni ‘50 tra sud e nord Corea, vince il Premio del Pubblico. Il film racconta le vicende di un reparto speciale di militari sudcoreani che combattono ai confini con la Corea del Nord, in un conflitto di trincea estenuante. L’assurdità della guerra viene fuori in tutti i suoi aspetti.

Gli altri premi, assegnati dalla giuria dei critici.
Nella sezione Orizzonti coreani vince “Nameless Gangster” di Yoon Jong-bin, attualissimo ritratto di un imprenditore senza scrupoli colluso con la criminalità organizzata coreana, realizzato con notevole forza visiva nella descrizione del sottile confine fra legge e fuorilegge.
La sezione riservata ai film a basso budget, Independent Korea, ha proposto cose interessanti. Fra esse si era fatto presto notare “Pluto” di Shin Sun-won, passato durante il primo giorno di proiezioni. Un Thriller ambientato negli ipercompetitivi ambienti di un college coreano, dove la continua escalation di prevaricazioni e vendette fra allievi anziani e matricole non può che sfociare in tragedia. Con estrema lucidità la prima regista donna presente al festival offre lo spietato ritratto di una nuova generazione sospesa fra la fatale competizione e la paura di perdere il futuro.
Menzione speciale a “Modern Family” di Hong Ji-young, film in quattro episodi dove altrettante storie di solitudine compongono un efficace spaccato di vita della Corea di oggi, con uno stile semidocumentaristico.



Alla sobria cerimonia di chiusura è seguita la proiezione del pluripremiato Pìeta, di Kim Ki-duk, Leone d’Oro a Venezia 2012.

@il_trillo

per scrivere a iltrillo.eu invia una mail a info@iltrillo.eu o contattaci sui nostri profili "Twitter""Facebook".