A+ A A-

Al via il 23 aprile l'ultima rassegna delle Anteprime cinematografiche del Verdi di Firenze

  • Scritto da Enrico Zoi

Parte martedì 23 aprile l'ultima rassegna delle Anteprime cinematografiche di Primavera di Firenze: cinque appuntamenti con film europei importanti che, senza questa ciclica e fortunata manifestazione da anni curata da Stefano Stefani, potremmo anche non vedere mai. O quasi. Ecco le pellicole che ci aspettano in questo scorcio di primavera.

Si inizia martedì 23 aprile, con Un'estate da giganti, del francobelga Bouli Lanners, inedito in Italia, premio Quinzaine des Réalizateurs del Festival di Cannes 2011. Il 7 maggio assisteremo all'anteprima nazionale di No. I giorni dell'arcobaleno, del regista cileno Pablo Larrain, premio Quinzaine des Réalizateurs di Cannes 2012, mentre il 14 maggio arriverà Il ministro. L'esercizio dello Stato, del francese Pierre Schoeller, Selezione ufficiale da Cannes 2011. Il 21 maggio sarà la volta di Tyrannosaur, di Paddy Considine, inglese, Premio Bafta 2011 (il David britannico) al miglior regista esordiente. Il film del gran finale del 28 maggio nascerà da un referendum tra gli spettatori fra Holy Motors di Leos Carax, Il fondamentalista riluttante di Mira Nair e probabilmente un'altra opera.«Questi film – spiega Stefano Stefani - rappresentano una scelta delle migliori produzioni europee degli anni scorsi, decine e decine di film che non arrivano nelle nostre sale, dove spesso è più facile vedere opere italiane anche più modeste. Un'estate da giganti ha vinto un premio importante, è un bel film e Lanners è uno dei registi più interessanti di oggi. Larrain è diventato famoso nel cinema internazionale per Tony Manero e Post Mortem e il suo No è una sorta di chiusura di una trilogia: vi si racconta il referendum del 1988 sulla permanenza al potere di Pinochet. Il ministro è una pellicola molto interessante, al momento un film invisibile, politico, il ritratto di un ministro preso dentro l'ingranaggio del potere. C'è poi il Tyrannosaur di Considine, con quel Peter Mullan che – non dimentichiamolo – è uno degli interpreti di Ken Loach. Per l'ultimo giorno, il 28, avremo un piccolo ballottaggio, che sarà sciolto nelle proiezioni del 14 e del 21, quando gli spettatori sceglieranno il film da vedere quella sera fra Holy Motors, da Cannes 2012, uno dei film europei più interessanti, e Il fondamentalista riluttante, già annunciato e poi retrocesso nella stagione, forse in uscita a giugno. Per ora la scelta è fra questi due titoli, poi vediamo se ce ne sarà un terzo».



Le prime quattro proiezioni si svolgono all'Istituto Stensen, quella del 28 maggio o allo Stensen o al Teatro Verdi.
Gli abbonamenti per l'intera rassegna di cinque film, tutti alle ore 21, sono in vendita a 30 euro solo alla cassa del Teatro Verdi (Via Ghibellina 99 – tel. 055212320 – dal lunedì al sabato, esclusi domenica e festivi, ore 10-13 e 16–19) fino a un massimo di 200. Il biglietto per ogni singola proiezione (euro 7,50) in vendita solo alla cassa dell'Istituto Stensen (Viale Don Minzoni 25/A – tel 055576551) a partire dalle 20.30 di ogni serata (non è prevista prevendita e i biglietti sono in vendita fino ad esaurimento dei posti disponibili in sala).
Info.

@il_trillo

per scrivere a iltrillo.eu invia una mail a info@iltrillo.eu o contattaci sui nostri profili "Twitter""Facebook".