A+ A A-

E' pronto "Fleur 2" di Franco Battiato. Intervisa su macy.it webtv

  • Scritto da Il Trillo
Battiato esce il 14 novembre con il suo nuovo album "Fleurs 2" che contiene 12 brani più due inediti. L'album conclude la trilogia di Fleurs.
Il musicista siciliano rivisita alcuni tra i più emozionanti brani di autori del passato. Gli arrangiamenti, il suo modo di interpretare le canzoni e la classe dei 2 inediti non lasciano dubbi: per l'ennesima volta ci troviamo di fronte ad un capolavoro.
Il lavoro è impreziosito dalle collaborazioni di artisti come: Carmen Consoli (che duetta con lui nel singolo e nel video di "Tutto l'universo obbedisce all'amore"), Sepideh Raissadat, Juri Camisasca, Antony and the Johnson, Anne Ducros.


dal 19 novembre 2008

Franco Battiato si racconta a Massimo Cotto in una video-intervista on line.
Tanti particolari inediti sull’ultimo album “Fleurs 2” e sul terzo film da regista che inizierà a girare tra poco e di cui dice: «è uno spaccato sul Settecento musicale che prende spunto dal confronto tra Hendel e Scarlatti». Nella lunga intervista Franco Battiato parla con scioltezza di qualsiasi argomento, dalla genesi delle canzoni «sono molto legato a “E più ti amo”, la prima canzone che ho inciso nel 1964 quando Milano viveva in Galleria del Corso, gli affitti costavano 15.000 mila lire e io ne guadagnavo 5.000 incidendo 45 giri di plastica che andavano in omaggio con “La Settimana Enigmistica”», ai brani che ha escluso perché non lo convincevano.
Il cantautore confessa di non volersi mai addentrare nei temi sociali perché «l’artista è il tramite tra il cielo e la terra e non è compito suo commentare la politica, se non in privato. Anche “Povera patria” era un brano nato più dalla delusione che dal desiderio di denuncia vero e proprio». E ammette, per la prima volta, di aver composto “La cura” quasi sotto dettatura di un essere superiore «in quel momento vivevo di un’ispirazione quasi sovrannaturale, ero in contatto con qualcuno al di sopra di me».