A+ A A-

Mostra retrospettiva su Alessio Nebbia e la sua visione di Valle d'Aosta

  • Scritto da Il Trillo
La Chiesa di San Lorenzo di Aosta ospita una mostra dedicata alla figura di Alessio Nebbia, pittore piemontese che scelse sin dal 1925 la Valle d’Aosta come luogo di residenza e come soggetto privilegiato dei suoi dipinti. La mostra, curata da Daria Jorioz, Sandra Barberi e Giuseppe Nebbia, ripercorre l’attività pittorica  dell’autore attraverso una selezione di opere provenienti da collezioni pubbliche e private. Accanto a Italo Mus, Francesco Nex e Franco Balan, Alessio Nebbia è figura di spicco nell’ambito artistico valdostano. Nel  solco della tradizione figurativa piemontese del primo Novecento, da Cesare Maggi a Matteo Olivero, Mario  Reviglione e Giuseppe Bozzalla, Nebbia elabora una propria visione artistica incentrata sulla montagna,  che conosce bene anche sotto il profilo alpinistico. 
«Lo spazio espositivo affacciato su Piazza Sant’Orso, nel cuore cittadino di Aosta - spiega l’assessore Emily Rini - si propone ancora una volta come luogo privilegiato per la  presentazione al pubblico di artisti valdostani legati alla cultura alpina, che l’Assessorato dell’istruzione e  cultura ambisce a valorizzare attraverso mostre monografiche. Sono particolarmente lieta di inaugurare  questa retrospettiva dedicata a un artista che amo molto, sensibile e raffinato,  pittore, fotografo, cartografo e alpinista, che ha avuto un rapporto profondo e costante con la montagna e con la Valle d’Aosta».


dal 28 novembre 2014 al 10 maggio 2015
Chiesa di San Lorenzo, piazza Sant’Orso
AOSTA

Alessio Nebbia, 1896-1975 Retrospettiva 

Orario: da martedì a domenica dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 18.30 Chiuso il lunedì 
Ingresso gratuito 

@il_trillo

per scrivere a iltrillo.eu invia una mail a info@iltrillo.eu o contattaci sui nostri profili "Twitter""Facebook".