Logo

Roberta Galantino racconta la mostra iCons (Arezzo), oggetti che diventano icone

Una delle stanze immersive della mostra iConsQuando un oggetto diventa icona? Quando è riconosciuto da molte persone? Quando trascende il tempo? Sono molte le possibili risposte e probabilmente ciascuno di noi ne darebbe una diversa; sicuramente un oggetto può essere definito iconico quando rappresenta una fase precisa della storia sociale, sia dal punto di vista tecnico che formale che culturale. Dunque un’icona del design non è più ‘soltanto’ un utensile, una poltrona o un mezzo di trasporto, ma un oggetto che assurge a chiave interpretativa del periodo nel quale è stato progettato, realizzato e utilizzato. Molti degli oggetti esposti hanno rappresentato così bene il periodo nel quale sono nati (e in qualche caso sono stati persino anticipatori del proprio tempo) da essere stati utilizzati dai media – cinema, televisione, pubblicità – come fossero dei veri e propri interpreti, tanto da entrare per sempre nell’immaginario collettivo. Sono oggetti che sanno di storia e che hanno fatto la storia, incredibilmente legati al periodo in cui sono nati e quindi immortali.
Un ringraziamento particolare a Salci Arredamenti, Lorenzo Marmorini Modernariato, Dei Bardi Arte, Lapini, Tuttaluce, Wow Vintage Shop, MUMEC museo dei mezzi di comunicazione, per aver fornito arredi e complementi rappresentanti il design dagli anni ’60 agli anni ‘80”.
Roberta Galantino

dal 30 giugno al 19 agosto 2018
Palazzo di Fraternita, piazza Grande
AREZZO

iCons. Percorso emozionale e immersivo tra design tecnologia e ricordi
una mostra a cura di Roberta Galantino con la collaborazione di Giacomo Semboloni

Leggi l'articolo sulla mostra iCons
© 2003-2018 P.IVA 01058350073