A+ A A-

[i] I nuovi progetti di Barbara Fusar Poli e Maurizio Margaglio

  • Scritto da Elena Meynet

Barbara Fusar Poli e Maurizio Margaglio«Basta con le gare»: Barbara Fusar Poli e Maurizio Margaglio, la cosidetta 'coppia d'oro', vincitori morali dello 'skating' alle Olimpiadi invernali di 'Torino 2006', che si erano giocati con una scivolata la probabile medaglia olimpica restano coscienti delle proprie capacità tecniche, artistiche e di coinvolgimento del pubblico.
Cappello da cow-boy, pistole e passi country hanno entusiasmato le oltre tremila persone nella serata di sabato 5 agosto al 'Forum Sport Center' di Courmayeur, per il 'Lancia Ice Champions tour' condotto dall'ex campione Alessandro De Leonardis.

Le due star, ormai adottate dai valdostani, infatti Maurizio Margaglio è residente proprio a Courmayeur, sono state il filo conduttore di una serata all'insegna del pattinaggio internazionale e delle acrobazie, con artisti del calibro di Silvia Fontana, Karel Zelenka, Radka Kovarikova e René Novotny con il 'Praga Ice Ballet', Aliona Savchenko e Robin Szolokowy, il campione di salto mortale Dmitri Dmitrenko e i suoi tre salti tripli consecutivi, la fantasia del biondo Kevin Van Der Perren e con le evoluzioni mozzafiato degli ucraini Valeria e Victor Mitnick, campioni europei e vice-campioni mondiali di acrobatic skating.
Barbara Fusar Poli«Siamo pieni di progetti - spiega Barbara Fusar Poli attorniata da piccole pattinatrici - in questi giorni, ad esempio, stiamo studiando una produzione per Mediaset. Continueremo senz'altro a lavorare assieme. Litigare? Forse all'inizio, ma ormai ci intendiamo a perfezione».
«Avevamo già smesso di gareggiare nel 2002
- aggiunge Maurizio Margaglio - e avevamo iniziato a fare 'cose da grandi', Barbara insegnava e io ero stato nominato commissario tecnico della Nazionale. Abbiamo voluto tornare per 'Torino 2006' e dopo la prima prova eravamo primi. Poi quei 'famosi' trentacinque secondi di silenzio dei quali non ci siamo resi conto della durata, ma il giorno dopo eravamo di nuovo pronti a dare il meglio e l'abbiamo fatto. Abbiamo alternato 'cose da piccoli' e 'cose da grandi', gare e insegnamento: ora continuiamo a lavorare, vedremo in che modo».
Courmayeur è stata per diversi anni la base per gli allenamenti dei due pattinatori, attirando anche molti altri atleti sulla loro scia: «sono sempre contenta di tornare a Courmayeur» aggiunge la Fusar Poli «qui mi sento a casa - ribadisce Margaglio - ora stanno costruendo molte piste di ghiaccio anche nel sud Italia, segno che la passione per questo bello sport si sta diffondendo». Innovatori della danza su ghiaccio, la coppia Fusar Poli - Margaglio ha inserito grande cura e spirito umoristico nelle coreografie, tutte studiate prima a terra: questo ha permesso loro un grande controllo delle figure anche quando, durante l'esibizione di sabato sera, la musica si fa sentire in modo discontinuo ma non riesce a disturbare la fluidità dell'interpretazione: «ci vuole sicuramente una grande preparazione atletica - continua Margaglio - ma per noi sono molto importanti le coreografie e continueremo a lavorare in questo senso. Abbiamo già lavorato con altri, oltre che in coppia, e non escludiamo di continuare in questo senso».
Maurizio Margaglio«Ci piace sperimentare e coinvolgere il pubblico
- dice ancora la Fusar Poli - come con i cow boys di questa sera. Saremo presenti in tutto il 'Lancia ice tour', fino al 20 agosto di nuovo qui a Courmayeur. Poi si va in vacanza». Isole italiane per il riposo dei due campioni, Sicilia e Sardegna, mentre la bruna Silvia Fontana rinuncerà alle vacanze per dedicarsi agli spettacoli ed alle piccole allieve che segue: «sono molto contenta quando posso tornare a Courmayeur - ha detto la Fontana, che è iscritta alla sezione valdostana della 'FISG' la Federazione italiana sport del Ghiaccio - Giordano Vittone (che è il presidente della FISG valdostana e consigliere federale, n.d.r.) è un grande amico». Paziente, aspetta che qualche piccolo fan inesperto riesca a farle la sospirata foto: «mi piace essere a disposizione dei piccoli ammiratori - commenta la Fontana - condivido il piacere di incontrarci. Del resto proprio il pubblico mi è stato di grande aiuto anche alle Olimpiadi di Torino: quando ho perso il quarto posto il tifo dalle tribune mi ha aiutata a far bene l'ultima prova e mi hanno sostenuta anche senza medaglia».
Sarà presente solo alla tappa 'di casa' del 'Lancia Ice tour', il 18 agosto a Selva Val Gardena, la medaglia di bronzo ai Mondiali 2005 Carolina Kostner: «sta lavorando molto bene - dice di lei Barbara Fusar Poli - può fare grandi cose». Maurizio Margaglio, invece, punta anche sulla nuova coppia costituita da Federica Faiella e Massimo Scali: «è ora che ci sia un cambio generazionale nel pattinaggio su ghiaccio - conclude - la Faiella e Scali stanno facendo molto bene e stanno crescendo con continutità e sono costantemente nei primi dieci al mondo. Non sono gli unici, credo che alle Olimpiadi del 2014, l'Italia potrà presentarsi con diverse coppie in grado di competere per le medaglie».

5 agosto 2006
Lancia Ice Champions tour 2006
Sport Forum Center
COURMAYEUR (AO)

@il_trillo

per scrivere a iltrillo.eu invia una mail a info@iltrillo.eu o contattaci sui nostri profili "Twitter""Facebook".