A+ A A-

[r] Beatrice Busi Deriu: La felicità immotivata

  • Scritto da Maela Martorana

Suonano brevi e diretti i versi contenuti nel libro La felicità immotivata di Beatrice Busi Deriu. Piccoli attimi di un'emotività raccontata con un linguaggio essenziale dove l'anima dell'autrice si svela con sorprendente semplicità. Le sonorità di un mondo interiore si espandono leggere in toni forse eccessivamente naïf che si ritrovano nelle quaranta poesie legate tra loro da un unico filo conduttore: la libertà.

Beatrice Busi Deriu ha iniziato la sua attività poetica verso la fine degli anni '90, passione che congiunge con quella della danza classica e contemporanea. Numerosi sono i riconoscimenti ricevuti nel corso della sua carriera artistica, ultimo il Cavatappi d'Idee del 2012. Il libro sara' presentato da Arnoldo Mosca Mondadori in occasione della nascita della nuova Scuola di Poesia di Guia Falck, curatrice della prefazione del libro. «Conosco Beatrice da più di dieci anni - dice Guia Falck - eppure sono di fronte a queste poesie sorpresa, come di fronte ad un’anima che sa rivelarsi con eleganza originale, niente di già letto o già sentito vi traspare, quasi a suggerire il senso del sacro, di tutto ciò che non è dichiarato ma ama sorprenderci come “la felicità immotivata”». Sfogliando le pagine del libro ci si imbatte in versi di natura differenti. Alcune poesie sono di una semplicità tale che ad una prima impressione possono risultare umoristiche, altre sono più articolate testimoniando l'esistenza di un talento acerbo. Eh lo so lo so in particolare lascia il lettore perplesso, attonito di fronte all'uso di termini poco poetici che più si sarebbero adattati ad una conversazione di vita quotidiana. La sera, invece, sembra richiamare anacronisticamente l'immagine di Salvatore Quasimodo intento a scrivere i propri pensieri in un mood di Facebook. D'altro canto, altri componimenti riscoprono la capacità introspettiva e l'abilità nel comunicare immagini attraverso l'uso sapiente di metafore particolarmente percettibili in Mi escludo e in Ecco la terra.

La felicità immotivata viene presentato sabato 27 luglio 2013 presso la Bandinella a Montelattaia, in provincia di Grosseto, alle ore 19.30. Durante la serata saranno raccolti fondi destinati alla Fondazione Casa dello Spirito e delle Arti che da quattro anni, attraverso il Laboratorio di Liuteria istituito presso il Carcere di Massima Sicurezza di Opera a Milano, permette ai detenuti di dedicarsi ad attività artistico-artigianali.


Beatrice Busi Deriu: La felicità immotivata
2013, Fairbook
53  pagine


@il_trillo

per scrivere a iltrillodeldiavolo.it invia una mail a info@iltrillodeldiavolo.it o contattaci sui nostri profili "Twitter""Facebook".