A+ A A-

[r] Gigi: la forza delle decisioni

  • Scritto da Maela Martorana

Il sipario dell' ex Splendor si solleva per il primo spettacolo della Saison Culturelle 2013 nella serata di martedì 29 ottobre con Gigi, commedia di Colette e Anita Loos, preceduta dalla conferenza "Gigi ou le mystère des éclosions" tenutasi da Frédéric Maget, insegnante e direttore della casa natale della scrittrice e presidente della Società degli Amici di Colette, il tutto organizzato dall'Assessorato alla Cultura e Istruzione della Regione autonoma Valle d'Aosta. Lo spettacolo, messo in scena dal regista francese Richard Guedj, vede come protagonista Gigi, una giovane adolescente educata dalla madre, dalla nonna e dalla prozia. Plasmata affinchè divenga una mantenuta d'alto bordo e tenuta al di fuori dal mondo, la ragazza cresce portando con sè un velo di ingenuità. La maturità e la vera indole di Gigi prendono forma quando si scontra con lo zio Gaston, famigerato seduttore e direttore di una fabbrica di zucchero. Lo stesso, innamorato della dolce Gigi, proporrà accordi remunerativi alla famiglia della ragazza.
Gigi, libera e sfrontata, rifiuta di essere una semplice conquista per l'uomo nel timore di finire, come le precedenti amanti di Gaston, sulla bocca di tutti. Inatteso, a seguito del rifiuto, Gaston si ripresenta presso l'abitazione di Gigi che, resasi conto di amarlo, accetta di seguirlo dichiarando che preferisce essere infelice con lui piuttosto che senza di lui.
Lo spettacolo ha visto evolversi sul palco costumi vivaci, splendide acconciature e personaggi femminili tenaci che raccontano una storia di altri tempi dai sapori moderni. Gli attori hanno dimostrato una grande padronanza del palco del teatro nonostante la maggior parte di essi provenga dalla televisione. Conosciuti dal grande pubblico grazie alla serie televisiva di France 3 Plus Belle La Vie, si sono dimostrati brillanti e capaci. Accolti da un pubblico particolarmente attento e interessato, in coda all'entrata del teatro un'ora prima dell'inizio dello spettacolo, gli spettatori hanno dimostrato di aver gradito la pièce. Non sono mancate le polemiche riguardanti una leggera disorganizzazione all'ingresso che ha provocato un'attesa eccessiva da parte dei presenti.

@il_trillo

per scrivere a iltrillodeldiavolo.it invia una mail a info@iltrillodeldiavolo.it o contattaci sui nostri profili "Twitter""Facebook".