A+ A A-

[r] Andrea Muzzi e Massimiliano Galligani: Due italiani veri a teatro

  • Scritto da Enrico Zoi

Vizi nazionali e poche virtù. Questo raccontano sul palco i Due italiani veri, come da titolo dello spettacolo, Andrea Muzzi e Massimiliano Galligani. Una coppia sempre più stretta, affiatata e divertente, esempio della nuova comicità toscana, ironica e dolce, che, grazie al testo scritto dallo stesso Muzzi e da Marco Vicari, ha accompagnato il pubblico in un brillante viaggio, guide molto più vicine a Virgilio che a Beatrice!

In breve, la trama. Se all'estero gli italiani sono considerati male, nell'universo va anche peggio. Un'astronave aliena in cerca di esemplari umani per il grande Zoo interstellare rapisce i disoccupati Andrea e Max. Dopo averli identificati, gli extraterrestri si chiedono se ci sia da fidarsi a tenere due esemplari di italiani nel loro Zoo? Mmmhh... Da qui lo spunto per una discesa negli inferi nazionali attraverso la tecnica dell'elenco dettagliato, dalla politica allo sport, dalla cosiddetta società civile alla televisione, dai misteri irrisolti fino alla fatidica domanda conclusiva: "E se Steve Jobs invece di nascere a San Francisco fosse nato a Barcellona Pozzo di Gotto?".
«Due italiani veri è una passerella di mostri italiani 2010-2013 - spiega Andrea Muzzi - uno spettacolo comicamente dissacrante, non sulla politica, ma sul sociale. Tra la gente c'è molta voglia di ridere, una risata di ribellione anarchica. A noi veniva naturale captare questo sentimento, che percepivamo come nostro. Così è nato lo spettacolo. In più si aggiunge il mio desiderio di lavorare con Max Galligani, collega che stimo. Dopo le esperienze con Alessandro Benvenuti, ho fatto sempre monologhi e mi piaceva l'idea di tornare a formare una piccola compagnia. Mettici poi il 'terzo uomo', quel Marco Vicari che ha scritto il testo con me: un autentico giovane genio».
Spirito di gruppo, affiatamento, intesa umana che si toccano con gli occhi e con mano al momento in cui Muzzi e Galligani si avventurano on stage come se fossero on the road. Camminano, attraversano fantasmi e zombie della nostra penisola, situazioni grottesche e spaccati d'Italia che sembrano usciti dal telegiornale dell'emittente accanto, raccontati come una sorta di vita in diretta che evita il mero reportage cronachistico e vira verso la risata riflessiva, fatta di ironia e comicità schietta come la battuta che ti nasce dentro a commentare l'umana commedia nazionale.
«È un periodo un po' difficile per far ridere la gente - aggiunge Max Galligani - però, se ci si riesce, le persone ridono di gusto perché hanno voglia di divertirsi. La risata come tentativo di soffocamento dei problemi. Noi, io e l'amico Muzzi, ci proviamo con il nostro spettacolo, in cui gli 'italiani veri' sono i furbetti del quartiere, della malasanità, della partita, della burocrazia, i finti buoni. Ma l'italiano vero, quando c'è da tirare fuori il lato migliore, è capace di farlo, e sa fare anche quelle che si chiamano le cose per bene».
Il piacere di ridere sgorga dallo show fantascientifico di questa strana coppia della comicità con naturalezza. È la vita di tutti i giorni che parla dalle tavole del palcoscenico. Con il sorriso di chi sa che, per disonesti, furbetti, evasori, corrotti e per tutto ciò che qualcuno non vuole fare andare come si deve, una risposta c'è. Quale? Una risata vi seppellirà.

25 gennaio 2014, ore 21
Teatro Comunale di Antella
FIRENZE


Due italiani veri
di Andrea Muzzi e Marco Vicari
con Andrea Muzzi e Massimiliano Galligani.
Giornalista video Alberto Severi.
Regia Andrea Muzzi.

@il_trillo

per scrivere a iltrillo.eu invia una mail a info@iltrillo.eu o contattaci sui nostri profili "Twitter""Facebook".