A+ A A-

La regina scalza: Ildefonso Falcones racconta gli amori gitani di Milagros e Caridad

  • Scritto da Claudia Camedda
Ildefonso Falcones ambienta "La regina scalza" nella Siviglia del 1748. Una giovane donna di colore di nome Caridad si ritrova a girovagare per le vie della città. E' arrivata da Cuba dove aveva vissuto in condizioni di schiavitù lavorando nelle piantagioni di tabacco. In lei c'è il desiderio di iniziare una nuova vita. Girando nelle strade in un quartiere dove vivono i gitani, e dove il rumore dei martelli nelle fucine faceva da eco al canto del flamenco, Caridad incontra Milagros, giovane zingara di bell'aspetto nipote di Melchor. Fra di loro si instaura un legame amichevole. La giovane gitana, dal temperamento ribelle, si innamora dello spavaldo Pedro Garcia, nonostante gli odi e le tensioni delle loro famiglie. Anche Caridad prova forti emozioni per Melchor. Ma tragici eventi segneranno la loro esistenza. Nel luglio del 1749, intere comunità di gitani sono costretti ad abbandonare le loro case e condannati ai lavori forzati, imprigionati nelle carceri. Milagros riesce a fuggire alla deportazione, e Caridad dopo varie vicissitudini viene arrestata a Madrid e rimarrà in carcere per diverso tempo, quando uscirà ritorna a lavorare nelle piantagioni di tabacco, finchè si incontra nuovamente con Melchor e con Milagros. 
Questo di Ildefonso Falcones è un romanzo dalle forti emozioni, che emergono dall'intreccio delle storie dei personaggi, i loro amori e la loro ricerca di libertà.
 
Ildefonso Falcones: La regina scalza
2013, Longanesi 
704 pagine, 19,90 euro

@il_trillo

per scrivere a iltrillo.eu invia una mail a info@iltrillo.eu o contattaci sui nostri profili "Twitter""Facebook".