A+ A A-

Per la prima volta la New World Symphony Orchestra

  • Scritto da Il Trillo

mercoledi 12 e giovedì 13 febbraio, ore 21
Sala Santa Cecilia
Auditorium Parco della Musica
Viale De Coubertin
ROMA

Ospite dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia arriva per la prima volta in Italia per due concerti l'Orchestra New World Symphony guidata dal suo direttore e fondatore Michael Tilson Thomas celebre come direttore e anche affermato compositore.
L'Accademia di Santa Cecilia Due date con due programmi diversi, da Mahler a Berio, che si svolgeranno nella Sala "Santa Cecilia" dell'Auditorium Parco della Musica. La New World Symphony è formata da giovani talenti provenienti dai conservatori, diplomati con lode, fondata nel 1988 con il preciso compito di far crescere artisticamente, personalmente e professionalmente i giovani musicisti. Dalla data del loro primo concerto (il 4 febbraio del 1988) l'orchestra è stata ospite dei più prestigiosi teatri: dall'Avery Fisher Hall e Carnegie Hall di New York, al Barbican Centre di Londra, alla Bastille e Cité de la Musique di Parigi, al Concergebouw di Amsterdam, al Konzerthaus di Vienna, in Brasile, Argentina, Israele, Giappone e ora al suo debutto all'Accademia Nazionale di Santa Cecilia.

Biglietti da 9 a 24 euro Informazioni: tel. 06.80.24.23.50
www.santacecilia.it

Nel primo concerto si ascolteranno le musiche di Steve Reich, uno dei fondatori del movimento minimalista, con uno dei suoi brani più conosciuti "Three movements" con al centro le percussioni, di Bernstein la Suite dall'opera "A Quiet Place", composta nel 1983 per il Kennedy Center.
La Suite che si ascolterà è stata realizzata da Tilson Thomas e contiene le parti salienti dell'opera. Seguiranno di Stravinskij la "Suite dall'Uccello di Fuoco" nella versione del 1919 con la geniale introduzione e la straordinaria danza infernale, e infine di Ravel lo struggente poema coreografico "La Valse".
Nel secondo concerto il programma prevede "Rendering" la versione di Luciano Berio per la "Decima Sinfonia in re maggiore D.936" di Schubert e la "Sinfonia n.5 in do diesis minore" di Mahler, con i cinque tempi dove si alternano momenti appassionati e lenti fino all'intenso lirismo del celebre "Adagietto".


@il_trillo

per scrivere a iltrillo.eu invia una mail a info@iltrillo.eu o contattaci sui nostri profili "Twitter""Facebook".