A+ A A-

La 'Fanciulla del West' di Puccini porta a Genova anche cinema e dibattiti

  • Scritto da Il Trillo

dall'8 al 17 aprile 2005
Teatro Carlo Felice
GENOVA

La Fanciulla del West è la seconda opera lirica, dopo la Butterfly, che Giacomo Puccini trae da un dramma di David Belasco.

Tre atti, su libretto di Guelfo Civinini e Carlo Zangarini, la Fanciulla inaugura un nuovo spirito produttivo del compositore, dopo quel periodo di studi e ripensamenti, privo di slanci creativi, che segnò la vita di Puccini agli inizi del Novecento. La sua ricerca di un nuovo libretto che gli ispiri musica indimenticabile, lo porta a leggere decine di testi, passando in rassegna autori che vanno da Tolstoj a D’Annunzio, passando addirittura per la Divina Commedia dantesca. La scelta alla fine cade nuovamente (e incredibilmente) su Belasco, dopo aver assistito alla rappresentazione di “The Girl of the Golden West” durante un soggiorno negli Stati Uniti. Il teatro di Belasco (1853-1931) è caratterizzato da effetti scenici e scenografie estremamente ricche e coinvolgenti, che vestono sfarzosamente il suo repertorio costituito in maggior parte da melodrammi sentimentali. Puccini mantiene inalterata la struttura del dramma (la classica contesa all’interno di un triangolo amoroso) ed evidenzia caratteri e temi puramente d’oltreoceano (lo sceriffo tutore della legge, l’emigrante self-made man) attraverso personaggi nutriti da umanità semplice e immediata. L’interesse maggiore deriva però dalla musica, di cui si è spesso sottolineate l’inventiva e l’elaborazione, l’influenza della musica del nuovo secolo e delle avanguardie, senza dimenticare gli spunti presi in prestito dall’universo folklorico (country & western). “La fanciulla del West” esordisce al Metropolian di New York il 10 dicembre 1910 (direttore Arturo Toscanini, con Enrico Caruso, Emmy Destinn e Pasquale Amato).

L’allestimento presentato a Genova deriva da quello del 1977 a cura della Royal Opera House - Covent Garden di Londra (Zubin Mehta direttore e, tra gli interpreti, Carol Neblett, Plácido Domingo, Sherrill Milnes). Piero Faggioni ne ha rivisto completamente la regia creando una straordinaria messa in scena, quasi un set cinematografico, animato da più di cinquanta persone tra cantanti, coristi e comparse. Musica diretta da Nicola Luisotti.

Informazioni: sul sito del Teatro Carlo Felice

Parallelamente allo spettacolo, si sviluppano incontri di vario genere sempre sul tema dell'opera.
Martedì 5 Aprile, ore 17.30, Auditorium E. Montale: conferenza dal titolo: "La fanciulla, una Bohème in California" a cura di Paolo Arcà. ingresso libero
Giovedì 7 Aprile, ore 17.30, Auditorium E.Montale: incontro/dibattito "Puccini, il western all'italiana. New York 1910" in collaborazione con Università degli Studi di Genova e il circolo culturale “I Buonavoglia a cura di Margherita Rubino. ingresso libero
Rassegna cinematografica "Donne del West" in collaborazione con il Cinéclub Louis et Auguste Lumière, Via Vitale, Genova. Presentazione del ciclo Mercoledì 6 aprile a cura di Marco Salotti:
Mercoledì 6 Aprile, ore 20.30 - Johnny Guitar (USA 1954) Con Joan Crawford, Sterling Hayden. Regia Nicholas Ray
Martedì 12 Aprile, ore 21.00 - Rancho Notorius (USA 1952) con Marlene Dietrich, Arthur Kennedy, Mel Ferrer. Regia Fritz Lang
Giovedì 14 Aprile, ore 21.00 - La magnifica preda (USA 1954) Con Marilyn Monroe, Robert Mitchum, Clark Gable. Regia Otto Preminger
Mercoledì 20 Aprile, ore 21.00 - Non sparare, baciami (USA/1953) con Doris Day, Howard Keel. Regia David Butler

@il_trillo

per scrivere a iltrillodeldiavolo.it invia una mail a info@iltrillodeldiavolo.it o contattaci sui nostri profili "Twitter""Facebook".