A+ A A-

Riflettori accesi sulla stagione 2012-2013 del Teatro Lumière di Firenze: il 26 ottobre si parte

  • Scritto da Enrico Zoi

È un amore di stagione, come da slogan pubblicitario, il terzo cartellone del piccolo grande Teatro Lumière di Firenze. Dodici, come i mesi dell'anno, i segni zodiacali e le parti del quadrante dell'orologio, i titoli in programma, a scandire il tempo ricco e poetico del teatro. Un successo, quello dello spazio di via di Ripoli, che si fonda su un 2011/2012 dai dati numerici confortanti: 78 abbonati e oltre 5500 presenze (una media di 108 spettatori a replica, non male per una sala da 196 posti), che, essendo il Lumière privo di contributi pubblici, sono l'unico sostegno della sala insieme agli sponsor privati (quest’anno l'Unicoop Firenze).
Sotto la direzione artistica di Marco Predieri, il sipario si alzerà dal 26 ottobre.
Perché un amore di stagione? Lo slogan, scelto dai fan di Facebook del teatro, introduce a un cartellone all'insegna dell’amore come leit motiv un po' di tutti gli appuntamenti. Il tono generale sarà brillante, tra emozioni e suggerimenti per riflettere. Il che non guasta mai. Il cocktail del Lumière metterà insieme grandi produzioni provenienti dalla capitale, prime nazionali del territorio e artisti di riconosciuto talento.
La prima, come nel 2011, sarà, a ottobre, Michela Andreozzi, che tornerà con il suo nuovo one girl show Ti vuoi mettere con me?, ovvero l’amore al tempo delle mele. A novembre Riccardo Marasco, volto storico della canzone popolare fiorentina, proporrà un omaggio al genio e alla musica di Odoardo Spadaro, il Maurice Chevalier italiano, mentre, dal Teatro 7 di Roma di Michele La Ginestra, arriverà la brillante commedia di Adriano Bennicelli Insieme a te non ci sto più, diretta dallo stesso La Ginestra. A metà dicembre sarà il padrone di casa, Marco Predieri, a riportare in scena la divertentissima Twist, con Eleonora Cappelletti, Fiorella Sciarretta, Chiara Ciofini e Marcello Sbigoli.
Nel 2013 ripartirà subito a gennaio con una novità assoluta di Silvia Frasson, il monologo/commedia La signorina Margherita, di Roberto Athaide, per la regia di Alessandro Riccio. Sempre a gennaio giungerà per la prima volta a Firenze una delle compagnie più acclamate in Italia, la Ditta di Diego Ruiz, Francesca Nunzi, Fiona Bettanini e Walter Nanni, nella commedia Ti amo… o qualcosa del genere, tre anni di repliche a Roma, sotto la direzione di Antonio Giuliani. A febbraio toccherà allo spettacolo record di incassi stagione di prosa 2011/2012 della Capitale, C’eravamo troppo amati, travolgente successo parigino di Pierre Palmade e Muriel Robin, qui interpretato da una coppia d'eccezione: Michele La Ginestra e Michela Andreozzi. Il mese si chiude con una prima nazionale: Marco Predieri e Marcellina Ruocco saranno i protagonisti di una commedia in giallo, una novità della scrittrice fiorentina Stefania Mancini, Tutta colpa dei Piccioni.
Marzo si aprirà con l'evergreen Anna Meacci e il suo ormai cavallo di battaglia Caldane, un must che sarà per la prima volta a Firenze proprio al Lumière. Nuova prima nazionale la settimana dopo con Alessandro Riccio, interprete, autore e regista, e Gaia Nanni, nella Meccanica dell’amore.
La stagione si chiuderà con altri due grandi spettacoli: Mumble mumble – confessioni di un orfano d’arte, con Emanuele Salce, figlio naturale di Luciano e adottivo di Vittorio Gassman, e Paolo Giommarelli; e, ad aprile, Sugo Finto, con Paola Tiziana Cruciani e Alessandra Costanzo, dirette da Ennio Coltorti.

@il_trillo

per scrivere a iltrillodeldiavolo.it invia una mail a info@iltrillodeldiavolo.it o contattaci sui nostri profili "Twitter""Facebook".