A+ A A-

SuperStart! Parte la stagione del Teatro stabile del Veneto, fra innovazione e solidarietà

  • Scritto da Il Trillo
Parte con "Jesus", la rassegna SuperStart del Teatro stabile del Veneto: una partenza contrassegnata da dieci mondi artistici in dialogo tra loro, un intreccio di voci e linguaggi diversi, che passano "Nella tempesta", dove Motus rilegge Shakespeare e aggiunge una iniziativa di solidarietà con la raccolta di coperte, e vanno "Verso Klee" di Tam Teatromusica e "Fango e cognac" del Teatro Bresci. C'è "Il padre" dei Teatri Off di Padova, ma anche "Ce ne andiamo per non darvi altre preoccupazioni", in cui Daria Deflorian e Antonio Tagliarini affrontano le difficoltà del nostro tempo, i suicidi causati dalla crisi. Di spettacolo in spettacolo, si arriverà ad aprile 2015 con "Mio figlio era come un padre per me" dei Fratelli Dalla Via, vincitori del "Premio Scenario 2012".

Il programma:

16 dicembre ore 20.45 - Teatro Verdi, Padova
Babilonia Teatri
"Jesus"
Dalla vittoria al Premio Scenario 2007 e alla prima edizione del Premio Off nel 2010 Babilonia Teatri hanno portato avanti un percorso artistico rigoroso e sorprendente, che li ha visti calcare i più prestigiosi palcoscenici legati al contemporaneo in Italia e all’estero. Ad inaugurare la rassegna del TSV va in scena “Jesus”, il nuovo spettacolo che indaga i dogmi della fede cristiana, risalendo fino al peccato originale. Un percorso a ritroso, per cercare la sorgente del nostro bisogno di credere nell’aldilà.


20 gennaio alle 20.45 - Teatro Verdi, Padova
Motus
"Nella tempesta"
La spinta rivoluzionaria che Motus opera nel teatro italiano in questo lavoro intercetta Shakespeare, e leggendo la sua “Tempesta” entra nel mezzo delle temperie dei nostri turbolenti anni. Motus è sinonimo di impegno politico, di un teatro/non teatro che continua a porsi domande sui suoi meccanismi e più ancora sul suo senso oggi. Allo spettatore il compito di condividere questo impegno, portando con sè una coperta, da donare a fine spettacolo ad associazioni che si occupano di persone in difficoltà.


17 dicembre alle 20.45 - Teatro Fondamenta Nuove
Tam Teatromusica
"Verso Klee"
Un occhio vede l'altro sente

Apripista della ricerca teatrale che parte dal Veneto e si afferma a livello nazionale ed internazionale, il Tam ha saputo evolversi nella continuità. Merito di uno stile originale, che mescola sapientemente le diverse arti. “Verso Klee” conclude una riuscitissima trilogia sul rapporto tra teatro e pittura. E’ un viaggio nell’immaginario dell’artista svizzero, nel suo approccio antinarrativo, nella passione per musica e poesia, nel tratto ludico e nello sguardo infantile con cui riesce ad osservare la vita.


27 gennaio alle 20.45 - Teatro Fondamenta Nuove, Venezia
Teatro Bresci
"Fango e cognac"
La Guerra in Altipiano

Il talento attorale di Giacomo Rossetto e la coerenza drammaturgica di Giorgio Sangati hanno saputo ridisegnare i contorni del teatro di narrazione con garbo e sostanza. Chi meglio di loro poteva dunque raccontare il dramma della Grande Guerra senza cadere nella retorica, sospesi tra memoria e contemporaneità. Per farlo scelgono di concentrarsi sulla dimensione umana dei soldati, piccoli ingranaggi in un meccanismo più grande di loro. Uomini che andavano in guerra pensando alla pace.


10 febbraio alle 20.45 - Teatro Verdi, Padova
T.O.P. Teatri Off Padova
"Il padre"
E’ un modello di virtuosa condivisione artistica la rete dei Teatri Off di Padova (Teatro de LiNUTILE, Carichi Sospesi, Teatro Continuo, TPR, Amistad Teatro e TeatrOrtaet) che qui presenta il suo primo spettacolo. Si tratta de “Il Padre”, capolavoro di dura psicologia del drammaturgo svedese August Strindberg. Un percorso tra il vero e il presunto, tra il terreno e l’etereo, tra il maschile e il femminile, che pone al centro il padre, uomo-monumento attorno al quale ruota la vita di tutti gli altri personaggi.



25 febbraio alle 20.45 - Ridotto del Teatro Verdi, Padova
Punta Corsara
"Petito Block"
Il baraccone della morte ciarlatana

Punta Corsara rappresenta un’esperienza unica in Italia. Nata da un percorso di riqualificazione sociale nel difficile quartiere napoletano di Scampia, ha dato vita ad una delle realtà teatrali più vitali ed apprezzate degli ultimi anni. In questo spettacolo Antonio Petito, storico Pulcinella, incontra il poeta russo Aleksandr Blok e il suo testo teatrale del 1906 “Balagancik (Il baraccone dei saltimbanchi)”. Il linguaggio popolare delle maschere napoletane si fonda alle avanguardie storiche, con esiti a dir poco esilaranti.


3 marzo alle 20.45 - Teatro Fondamenta Nuove, Venezia
Tagliarini / Deflorian
"Ce ne andiamo per non darvi altre preoccupazioni"
I suicidi della crisi, nati come provocatoria finzione nel romanzo “L’esattore” del greco Petros Markaris, trovano un’inquietante eco nelle cronache italiane di questi tempi. Parte da qui il lavoro di Daria Deflorian e Antonio Tagliarini, due tra gli artisti più interessanti della scena contemporanea, capaci di ridefinire il ruolo dell’attore come autore ed interprete. Il loro è un linguaggio asciutto, ma anche intenso e commovente, che da vita a una sorta di indagine esistenziale sulla crisi, intima e politica insieme.


15 aprile alle 20.45 - Teatro Fondamenta Nuove, Venezia
Livello 4
"In-corporeo"
Un gruppo veneto emergente, che si è consolidato attraverso un lavoro serio e puntuale di ospitalità e formazione, intercettando giovani talenti e nuovi pubblici. Alla prima importante prova regionale prosegue la sua ricerca su una tecnica misteriosa e affascinante poco praticata in Italia: il teatro nero di Praga. Lo spettacolo racconta il corpo umano, ed è realizzato da corpi che in scena si trasformano, diventano altro da sé, si mescolano e si colorano. Una magia per gli occhi, che incanta ed emoziona!


24 marzo alle 20.45 - Ridotto del Teatro Verdi, Padova
Malmadur Teatro
"Quattro soldi"
Freschi e vitali i giovani di questa compagnia di recente formazione portano sul palco la loro travolgente energia. Vincitori dell’ultima edizione del Premio Off, per il nuovo lavoro prendono ispirazione da “L’opera del mendicante” di John Gay. Aprendo un dialogo anche con il teatro politico di Brecht propongono una lettura tragicomica dei giovani di oggi, i nuovi poveri minacciati da una società concorrenziale e corrotta. E’ il ritratto particolarmente efficace di una generazione privata del futuro.


28 aprile alle 20.45 - Ridotto del Teatro Verdi, Padova
Fratelli Dalla Via
"Mio figlio era come un padre per me"
Vincitori del Premio Scenario 2012 i Fratelli Dalla Via sono l’ultima realtà artistica nata in Veneto ad essersi affermata prepotentemente sulla scena nazionale con il suo linguaggio che mette le radici nel teatro di drammaturgia ma si evolve in codici e forme sceniche assolutamente inediti. Con queste modalità raccontano la crisi del modello Nord-Est e dei suoi imprenditori in modo ironico e dissacrante. Tra giri di spritz, gare di boeri e preghiere laiche il dramma del fallimento si consuma senza pietà.



dal 16 dicembre 2014 al 29 aprile 2015
Teatro Verdi e sala del Ridotto 
PADOVA
Teatro Fondamenta Nuove 
VENEZIA

Start
Rassegna di Teatro Contemporaneo del Teatro Stabile del Veneto

SuperStart è anche formazione con due laboratori intensivi della durata di tre giorni ciascuno, affidati alla Compagnia Punta Corsara (22, 23, 24 febbraio a Padova), e a Tagliarini/Deflorian (1, 2, 3 marzo a Venezia). Le richieste di partecipazione dovranno essere inviate via email all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. includendo una lettera di motivazione e il proprio curriculum entro il 15 febbraio 2015. 
Il costo di partecipazione è di 100 euro a laboratorio.


@il_trillo

per scrivere a iltrillo.eu invia una mail a info@iltrillo.eu o contattaci sui nostri profili "Twitter""Facebook".