A+ A A-

Paolo Rossi in delirio

  • Scritto da Il Trillo

dal 16 aprile al 9 maggio 2004
Teatro Strehler
MILANO

Il Signor Rossi e la Costituzione.
Adunata popolare di delirio organizzato


scritto da Paolo Rossi
con Carlo Giuseppe Gabardini e Ricardo Piferi
co-regia Maria Consagra

Paolo Rossie con Emanuele Dell’Aquila, Giorgio Palombino, Alex Oricari, Massimiliano Loizzi
musiche Emanuele Dell’Aquila

Produzione A.Gi.Di


Dopo aver affrontato con successo e a modo suo i classici del teatro con Romeo and Juliet e Questa sera si recita Molière, Paolo Rossi torna al Piccolo con un nuovo spettacolo in cui l’attualità viene affrontata attraverso un testo che tutti conoscono ma che forse pochi hanno letto realmente: la Costituzione Italiana.

Il Signor Rossi e la Costituzione segna il ritorno di Paolo Rossi, accompagnato da un gruppo di musicisti, alla struttura dei suoi primi lavori teatrali. Il monologo, la canzone, le affabulazioni, i cantastorie. Allo stesso tempo lo spettacolo si nutre dell’eredità degli happening recitati con il diretto coinvolgimento del pubblico, ossia dell’esperienza del teatro di Rianimazione maturata dal Romeo and Juliet in poi.
Il sottotitolo recita “adunata popolare di delirio organizzato”. L’articolo 17 della Costituzione, infatti, sancisce il diritto di riunirsi pacificamente e senz’armi, e le armi della poesia sicuramente non sono ancora contemplate fra le armi improprie.
Paolo Rossi, avvalendosi di questa norma, invita gli spettatori a riunirsi in un luogo pubblico per parlare della Costituzione, coinvolgendoli direttamente in un confronto imprevedibile e ogni sera diverso e, in veste di cicerone, capo-popolo, presidente d’assemblea, affronta il testo della nostra Legge Fondamentale per conoscerlo prima di vederlo modificato, discuterlo, riscriverlo, certamente per capirlo.

Biglietti: Serie Blu, da 15 a 22,50 euro
Per informazioni e prenotazioni: tel. 02.72.333.222 oppure sul sito del Teatro Piccolo

@il_trillo

per scrivere a iltrillodeldiavolo.it invia una mail a info@iltrillodeldiavolo.it o contattaci sui nostri profili "Twitter""Facebook".