Rivolgersi ad un esperto SEO: verifica dell’indicizzazione e tempi per il posizionamento

Rivolgersi ad un esperto SEO verifica dell’indicizzazione e tempi per il posizionamento

Quando ci rivolgiamo ad un esperto SEO, sicuramente lo facciamo anche perché siamo mossi dalla voglia di emergere nel mondo di Google e quindi nel mondo della Search Engine Optimization: emergere non significa essere solo posizionati in prima pagina, ma implica chiaramente anche che potremo vantare una serie di interessanti opportunità, come ad esempio quella di essere riconosciuti nel nostro settore e di essere ricercati. Tutto ciò si traduce in una interessante conversione di guadagni, aspetto da non sottovalutare per chi ha un’attività.

Rivolgersi ad un esperto SEO, ad esempio JFactor.it, significa sostanzialmente anche due cose: prima tra tutte, avere la possibilità che il nostro sito venga indicizzato (e quindi conosciuto da Google, che così potrà inserirlo all’interno dei suoi archivi); d’altra parte, significa anche potersi permettere il posizionamento del sito, la cui pagina e la cui posizione specifica dipende da una serie di fattori, non ultimo il lavoro dell’esperto SEO che avrà svolto delle attività ben precise di ottimizzazione per ottenere un dato risultato.

Verifica dell’indicizzazione: in che modo avviene e con quali tempi si indicizza una pagina su Google

I tempi per l’indicizzazione di una pagina o meglio di un sito web su Google sono variabili e non possono essere stabiliti con una certezza univoca e valida per tutti. Possiamo però ammettere con una certa tranquillità che in linea di massima Google impiega circa una settimana per inserire il sito nei suoi archivi (e quindi per indicizzarlo).

Tuttavia, è importante anche sapere se la pagina è stata indicizzata, perché questo ci aprirà le porte verso nuove ed importanti attività che potranno essere svolte per migliorare sempre di più la posizione del sito.

La verifica dell’indicizzazione è comunque un’attività abbastanza semplice. Sarà infatti sufficiente cercare il nome del marchio o del brand nella barra di ricerca di Google, oppure scrivere il nome del sito, con la modalità site:nomesito.com. In questo modo, sarà facile vedere se il sito si trova all’interno dei suoi archivi. Questa azione può essere svolta anche per mezzo della Google Search Console (che è poi anche lo strumento che serve per chiedere che venga fatta l’indicizzazione del sito a Google): vi è infatti una funzionalità specifica a cui fare riferimento per vedere se la URL è presente negli archivi di Google ed eventualmente anche per chiedere una nuova analisi.

I tempi per il posizionamento: quanto tempo occorre

Il posizionamento è una cosa invece abbastanza complessa, e richiede sicuramente dei tempi un po’ più lunghi, ma sicuramente non stabiliti in modo univoco. Sicuramente molto dipende dallo stato iniziale in cui si trova il sito web, dalla sua situazione, dal fatto che siano già presenti dei contenuti, se e come essi sono stati ottimizzati, e da molti altri fattori: insomma, è un qualcosa a cui non si può rispondere in modo troppo generale perché si rischierebbe di commettere un errore colossale.

Possiamo però dire che per ottenere risultati di posizionamento di un certo spessore, è necessario che venga eseguita una strategia che tenga conto di una serie di fattori non solo rilevanti sul breve ma anche sul lungo termine: quindi, bisogna proporre una strategia che permetta anche di pianificare le eventuali attività future per raggiungere in un certo arco di tempo dei risultati apprezzabili.

Occorre comunque fare una breve riflessione sulla differenza tra il posizionamento organico ed il posizionamento a pagamento: quest’ultimo, infatti, non fa riferimento alle regole per il posizionamento organico, per ottenere il quale occorrono diversi fattori che hanno tempi e difficoltà diversi per ciascun caso.  

In linea di massima, si possono iniziare a vedere dei primi risultati circa dopo 3 mesi dall’inizio delle attività di ottimizzazione, però questo vale soprattutto per progetti piccoli e facili da gestire: invece, i progetti che incontrano un’elevata competitività possono richiedere dei tempi molto più lunghi, anche oltre un anno.