Cosa sono gli autorisponditori e come scegliere il più adatto

Cosa sono gli autorisponditori e come scegliere il più adatto

Se hai da poco messo on line il tuo sito o ne hai uno attivo da tempo, dovresti considerare molto seriamente l’implementazione di uno dei tanti autorisponditori presenti sul mercato. Non uno a caso però, bensì quello che meglio si adatta alle tue esigenze. È quello che tratteremo in questa guida, nella quale ti spiegheremo cos’è l’autoresponder tanto utile nell’email marketing, e soprattutto come sceglierne uno tra i migliori.

Autorisponditori: cosa sono e a cosa servono

Se ti sei mai iscritto ad un sito e in seguito alla tua iscrizione hai cominciato a ricevere delle email, sai già in cosa consiste un autorisponditore.
Quello che però dovresti sapere è che attualmente, tra chi fa e-commerce, l’autorisponditore viene considerato un elemento imprescindibile per incrementare la conversione e quindi i guadagni.
Si tratta in sostanza di un piccolo software che invia in automatico (sulle impostazioni che tu stesso hai fornito) delle email alla tua mailing list, cioè a chi si è iscritto fisicamente al tuo sito.
L’aspetto importante dell’autoresponder è che, in base al piano previsto, puoi scadenzare le mail da inviare, suddividendole spesso anche in liste.
Sarebbe ad esempio inutile mandare delle mail di un make up agli utenti maschili del tuo sito.
Puoi scrivere le mail che in sequenza verranno inviate a scadenza programmata ai tuoi iscritti, mantenendo quindi con loro dei contatti diretti senza che però questo ti tolga ogni volta del tempo prezioso.

Come scegliere un buon prodotto gratuito


Se hai cominciato da poco la tua entusiasmante avventura nell’e-commerce e ti stai ancora guardando intorno, potresti non avere un budget da investire in autoresponder sofisticati e dalle molteplici funzionalità che per il momento potrebbero anche non servirti.
La buona notizia è che puoi scaricare degli autorisponditori gratuiti che per cominciare sono più che validi. Se poi sarai soddisfatto potrai installare la versione ‘pro’.
Vediamo i migliori:

  • Mailchimp: si tratta di uno strumento gratuito, che può poi essere implementato nella versione a pagamento, molto utile e molto scaricato. Ha delle funzioni molto semplici e quindi è ottimo per fare pratica. Puoi usarlo gratuitamente fino a quando avrai meno di 1.000 iscritti, ma ovviamente nel momento in cui supererai questa soglia vorrà dire che il tuo sito ha spiccato il volo!
  • Klaviyo: anche in questo caso puoi iniziare con la versione gratuita e base. Con questo strumento puoi personalizzare le mail in base alle azioni eseguite dai tuoi utenti. Puoi mandare ad esempio una email di ringraziamento ogni volta che qualcuno acquista un tuo prodotto o mandare una richiesta di sondaggi per sapere se i tuoi clienti sono soddisfatti o vorrebbero qualcosa di diverso;
  • Aweber: una volta che sarai diventato esperto, potresti passare anche a questo autoresponder molto professionale. È stato del resto uno dei primi, e il costo iniziale è di 19,00 euro al mese fino a 500 contatti. È decisamente ricco di funzionalità e ti permette di creare dei form personalizzabili per la tua home page. Puoi effettuare delle analisi, avere delle statistiche, ed essere sempre informato sul comportamento dei tuoi utenti. Puoi inserire nelle mail delle fotografie e personalizzare la grafica, e Aweber rappresenta la soluzione ideale che coniuga le funzionalità massime al costo minore.

A questo punto è importante specificare un ulteriore punto fondamentale: la netiquette.
Si tratta delle buone norme di comportamento in rete.
Non bombardare la tua lista di contatti con mail più volte al giorno, e specifica sempre le modalità di trattamento dei dati personali.